Passa ai contenuti principali

What is Fashion? Che cosa e' la moda?


Fashion is a term that usually applies to prevailing mode of expression, fashion
is something we deal with in our everyday lives. Even people who say that they
do not care about what they wear, choose clothes every morning, and their clothes say a lot about them and how they feel that day.

Fashion varies from person to person, you do not need to wear revealing or expensive clothes to be fashionable, you can look fashionable by wearing clothes that enhance your personality. In this sense the term fashion is used in positive way, as a synonym for glamour and style. Fashion is a form of personal expression, but it is also a combination of science and communal art, developed during the centuries, through a culture which examines its notion of beauty and goodness.

The researchers found that human developed eyed sewing needles in what is now Siberia and China as early as 45,000 years ago. In Europe, clothing fabrication likely began around 26,000 years ago. Anthropologists believe that men and women started to wear clothing after the last Ice Age, using animals’ skin and vegetation, that were adapted into covering as protection from cold, heat and rain.

The garments were generally made from a single piece of cloth and were created for the sole purpose of covering a body. In more recent ancient civilizations, such as Ancient Egypt, Ancient Greece, and the Roman Empire, many materials were discovered that could be fashioned into clothing. Clothing and textiles reflected the materials and technologies available in different civilizations and they also reveal to us their social customs and culture. A large percentage of clothes from ancient civilizations were domestic, but many shops were created to produce complex textiles with patterns, weave systems or contrasting patterns.

The first proof of fashion in ancient history was based in a Tailor Shop. The word “tailor” appeared for the first time in the Oxford dictionary in 1297, but the art of tailoring dates to the early Middle Ages. It was just during the Renaissance that clothes started to be considered more than necessities, but as a way for people to express themselves and to show off their status, developing fashion as a concept. A turning point was Louis XIV, the “Sun King”, who reigned from 1643-1715, to develop in his court the chic style and the concept of fashion, making the Palace of Versailles a clear example of luxury. He introduced the textile trade to France and soon France became the international authority on style. For 400 years, from the 1600s to the 1900s France was considered the center of fashion. Especially in Paris a great number of artists, and skilled workers, came to the industry to focus on French fashion. It is in Paris where the Haute couture and Pret-a-porter’s concept have origin. It was also in France, after the Revolution and Industrialization, that we could assist to the democratization of fashion, making it available to the masses.

Consequently, the fashion industry grew to meet the new demand, and soon the industrial factors spread fashion from Paris to multiple centres throughout the world. Where pre-industrial designs lasted for years, now new fashion collections appear every season.

Although there are four seasons w
ithin the calendar year, there are typically two seasons in clothing retail. The fashion season is split into two seasons Spring/Summer and Fall/Winter. For each season, a collection should be prepared. The spring/summer season starts in January and runs until around June; the autumn/winter season starts in late October and ends in December. Some industries work on four seasons, including also Resort and Pre-Fall. Resort collections overlap the first two seasons and are offered around late October. Pre-Fall collections appear in stores before the Fall/Winter collection comes in.

 ------------------------------

Moda è un termine che di solito si applica al modo prevalente di espressione, la moda è qualcosa con cui abbiamo a che fare nella nostra vita quotidiana. Anche le persone che dicono che non si preoccupano di ciò  indossano, scelgono i vestiti ogni mattina, e i loro vestiti dicono molto di loro e di come si sentono quel giorno.

 

La moda varia da persona a persona, non è necessario indossare abiti rivelatori o costosi per essere alla moda, si può apparire alla moda indossando abiti che esaltano la propria personalità. In questo senso il termine moda è usato in modo positivo, come sinonimo di glamour e stile. La moda è una forma di espressione personale, ma è anche una combinazione di scienza e arte comune, sviluppata durante i secoli, attraverso una cultura che esamina la sua nozione di bellezza e bontà.

I ricercatori hanno scoperto che l'uomo ha sviluppato aghi da cucire con gli occhielli in quella che oggi è la Siberia e la Cina già 45.000 anni fa. In Europa, la fabbricazione di abiti iniziò probabilmente intorno a 26.000 anni fa. Gli antropologi credono che gli uomini e le donne abbiano iniziato a indossare indumenti dopo l'ultima era glaciale, utilizzando la pelle degli animali e la vegetazione, che sono stati adattati in copertura come protezione dal freddo, dal caldo e dalla pioggia.

 

Gli indumenti erano generalmente fatti da un unico pezzo di stoffa e venivano creati al solo scopo di coprire un corpo. In civiltà antiche più recenti, come l'Antico Egitto, l'Antica Grecia e l'Impero Romano, furono scoperti molti materiali che potevano essere trasformati in abiti. L'abbigliamento e i tessuti riflettono i materiali e le tecnologie disponibili nelle diverse civiltà e ci rivelano anche i loro costumi sociali e la loro cultura. Una grande percentuale di vestiti delle civiltà antiche era domestica, ma molte botteghe furono create per produrre tessuti complessi con disegni, sistemi di tessitura o modelli a contrasto.

 

La prima prova di moda nella storia antica era basata su una sartoria. La parola "sarto" apparve per la prima volta nel dizionario di Oxford nel 1297, ma l'arte della sartoria risale al primo Medioevo. Fu proprio durante il Rinascimento che i vestiti cominciarono ad essere considerati più che necessità, ma come un modo per le persone di esprimersi e di mostrare il loro status, sviluppando la moda come concetto. Un punto di svolta fu Luigi XIV, il "Re Sole", che regnò dal 1643 al 1715, a sviluppare nella sua corte lo stile chic e il concetto di moda, rendendo la Reggia di Versailles un chiaro esempio di lusso. Introdusse il commercio dei tessuti in Francia e ben presto la Francia divenne l'autorità internazionale in materia di stile. Per 400 anni, dal 1600 al 1900 la Francia fu considerata il centro della moda. Soprattutto a Parigi un gran numero di artisti, e lavoratori qualificati, arrivarono all'industria per concentrarsi sulla moda francese. È a Parigi che ha origine il concetto di Haute couture e Pret-a-porter. Fu anche in Francia, dopo la Rivoluzione e l'industrializzazione, che si poté assistere alla democratizzazione della moda, rendendola accessibile alle masse.

Di conseguenza, l'industria della moda crebbe per soddisfare la nuova domanda, e presto i fattori industriali diffusero la moda da Parigi a molteplici centri in tutto il mondo. Dove i disegni pre-industriali duravano anni, ora nuove collezioni di moda appaiono ogni stagione.

Anche se ci sono quattro stagioni

nell'anno solare, ci sono tipicamente due stagioni nella vendita al dettaglio dell'abbigliamento. La stagione della moda è divisa in due stagioni: primavera/estate e autunno/inverno. Per ogni stagione, dovrebbe essere preparata una collezione. La stagione primavera/estate inizia a gennaio e va fino a giugno circa; la stagione autunno/inverno inizia a fine ottobre e finisce a dicembre. Alcune industrie lavorano su quattro stagioni, includendo anche Resort e Pre-Fall. Le collezioni Resort si sovrappongono alle prime due stagioni e vengono offerte verso la fine di ottobre. Le collezioni Pre-Fall appaiono nei negozi prima che arrivi la collezione Autunno/Inverno

 

 

 

 


Commenti

Post popolari in questo blog

Regali di Natale per lei, donna, mamma e amica.

Sta arrivando il Natale e come ogni anno i regali diventano il tuo dilemma, cosa regalare ad un amica, alla mamma, alla sorella, alla fidanzata. Tante idee e tanti dubbi: non so cosa comprare, non ho molti soldi, le piacerà? L’ importante è sempre fare le cose con il cuore. Noi siamo qui per aiutarti a risolvere il problema.  Il regalo deve essere bello, ma per essere gradito deve sempre rispecchiare la personalità di chi lo riceve. Oppure finirà sullo scaffale dello sgabuzzino pronto per essere al più presto riciclato.  Ovviamente più alto sarà il nostro budget e più facile sarà comprare i regali e per  questo che il mio obbiettivo sarà invece aiutare il compratore medio, guidandolo nella scelta giusta senza spendere troppo . Prima di tutto, cominciamo dicendo che io sconsiglio  di regalare dei vestiti, a meno che nn si conosce benissimo la persona alla quale si fa il regalo. L’abbigliamento è sempre molto personale, quindi al massimo ci si deve limitare a regalare delle sciarpe o fou

Curiosità sul natale: come si festeggia negli altri paesi?

Il Natale è  la festività più conosciuta al mondo. Ovunque ci saranno gli alberi di Natale, con i regali, le letterine per Babbo Natale, il cenone della vigilia, e in molti paesi anche il presepe. Spesso pensiamo che il Natale sia solo questo,  ma  in realtà non è così, ci sono infatti diverse tradizioni legate ad ogni paese, alcune completamente lontane dalle nostre. Di seguito alcune curiose tradizioni di paesi vicini e lontani. In Germania La leggenda vuole che la notte del 5 Dicembre i bambini si preparino all’ arrivo di St. Nikolaus  lasciando le proprie scarpe sul davanzale o fuori dal portone. Quella notte St. Nikolaus lascerà nelle scarpe dei bimbi buoni dei cioccolatini e in quelle dei bimbi birichini dei ramoscelli di legno.Oggi la maggior parte dei bambini tedeschi appende le scarpette all’albero di Natale. Austria e Trentino Alto Adige  Una delle tradizioni più bizzarre è quella di Krampus, la demoniaca figura mezza capra e mezzo uomo che scende nelle strade alla ricerca de

Rinascimento

La parola francese Renaissance significa rinascita, e si riferisce a una storia europea emersa dalla fine del Medioevo all'era della modernità, radicando i secoli XV e XVI. Il rinascimento comprendeva la rinascita delle fonti classiche, come sculture, architetture, scienza, filosofia, matematica, e fu un periodo di commercio, invenzione, comunicazione, scoperta, arte e lusso. Durante il Rinascimento l'abbigliamento divenne un investimento estremamente importante, simbolo del lusso e della ricchezza delle corti.  Firenze fu, durante il Rinascimento, il maggior centro di influenza e innovazione, scenario di idee intellettuali e artistiche. Artisti come Leonardo Da Vinci, Raffaello, Boccaccio, Donatello e altri lavorarono a Firenze ed è attraverso la loro arte e i loro ritratti che abbiamo conosciuto la moda nel periodo rinascimentale.  Il guardaroba delle donne era composto da un abito di lino bianco con maniche lunghe e un abito lungo in colore contrastante, con un top stretto e