Passa ai contenuti principali

Lifestyle

La donna curvy/The curvy woman
Negli ultimi anni se ne sente  parlare sempre di più, ma chi è la donna curvy?

La donna curvy ha una taglia che va dalla 44 in su, con seno e fianchi abbondanti, una vita stretta, è una donna dalle curve morbide.

La donna curvy è orgogliosa delle sue forme, non ostenta a mostrarle e riesce nonostante non sia perfetta a sentirsi sensuale e bellissima.

In fondo chi ha deciso cosa sia la perfezione e quando siamo arrivati a considerare perfetta solo la donna snella?

La maggior parte dei quadri del passato mostrano donne dal corpo sinuoso e con qualche chilo in più. Cosi partendo da opere come la Venere di Botticelli, le donne di Raffaello Sanzio, le donne di Rubens, arrivando fino a  moderni Cezanne e Monet, la donna in carne era considerato come simbolo di abbondanza.


 Anche il cinema della prima meta’ del 900 ci mostra donne formose, con seni pronunciati, ne sono esempio attrici come  Sophia Lauren, Merylin Monroe, Ava Gardnee, vissute in quel periodo quando essere in carne significava godere di buona salute e avere voglia di vivere. 

L’estremizzazione della bellezza femminile verso canoni filiformi, avviene con il successo della modella Twiggy, talmente magra da poter essere considerata anoressica.


L’avvento della donna filiforme nella moda nacque soprattutto a seguito dell’esigenza degli stilisti di vestire con un unica taglia tutte le modelle.

Fortunatamente nell’ultimo decennio le donne curvy hanno riacquistato il loro giusto posto predominante  nel mondo, nel mercato dell’ abbigliamento e sulle passerelle, anche grazie  ai social media, che hanno rese famose alcune  infuencer curvy,  seguite da un ampio pubblico di donne.

Cosi quello del mercato “plus size” è sempre più in forte aumento, e contribuisce all’affermarsi di una nuova idea di bellezza, che aiuta a far passare il messaggio che per sentirsi belle non bisogna per forza essere snelle, ,ma essere seducenti e sensuali.

Tra le donne curvy piu celebri la modella Ashley Graham, la modella italiana Elisa D’Ospina, che divenuta ospite fissa della trasmissione “Detto fatto” è da sempre in prima linea nella lotta contro l’anoressia. Altra icona curvy è Paola Torrente arrivata seconda nell’edizione di Miss Italia 2016, proprio grazie alla sua taglia 46.

Ma come si devono vestire le donne curvy? 

Da donna curvy quale sono il mio motto è “eccedere ma senza cadere nella volgarità, cercando di esaltare la propria femminilità”.

E’ principalmente importante sottolineare i punti forti del proprio corpo, scegliendo sempre il taglio e lo stile giusti, giocando soprattutto con gli accessori, i tacchi ed il make up.

Sara’ necessario seguire poche semplici regole che ci aiuteranno a costruire il nostro stile.

A questo proposito può aiutare un mio articolo su come vestire le varie forme del corpo,  bilanciando la parte alta e con quella bassa.

Buona lettura!

-------------------------------

The curvy woman

In recent years we have heard more and more about the curvy woman, but who is she?

The curvy woman is a size 44 and up, with generous breasts and hips, a narrow waist and soft curves.

The curvy woman is proud of her shape, does not show it off and manages to feel sensual and beautiful despite not being perfect.

  After all, who decided what perfection is and when did we come to consider only the slim woman as perfect?

Most paintings of the past show women with curvy bodies and a few extra weight. So starting from canvas such as Botticelli's Venus, Raphael Sanzio's women, Rubens' women, up to the modern Cezanne and Monet, the voluptuous woman was considered as a symbol of abundance. 

Even the cinema of the first half of the 20th century shows us shapely women, with pronounced breasts, such as actresses like Sophia Lauren, Merylin Monroe, Ava Gardnee, who lived in that period when being meaty meant being healthy and having the will to live.

 


The radicalisation of female beauty towards slim canons occurred with the success of the model Twiggy, who was so thin that she could be considered anorexic. The advent of the filiform woman in fashion came about mainly as a result of the stylists' need to dress all models in one size.

Fortunately, in the last decade curvy women have regained their rightful place in the world, in the clothing market and on the catwalks, especially thanks to social media, which have made some curvy influencers famous, followed by a wide audience of women.

The "plus size" market is growing fast, contributing to the emergence of a new idea of beauty, which helps to get the message  that to feel beautiful you don't necessarily have to be slim, but you do have to be seductive and sensual.

Among the most famous curvy women are the model Ashley Graham, the Italian model Elisa D'Ospina, who has become a regular guest on the programme "Detto fatto" and has always been in the front line in the fight against anorexia. Another curvy icon is Paola Torrente, who came second in the Miss Italia 2016 edition, thanks to her size 46.

But how should curvy women dress? 

As the curvy woman that I am, my motto is "to exceed but without falling into vulgarity, trying to enhance one's femininity".

It is mainly important to emphasise the strong points of your body, always choosing the right cut and style, playing with accessories, heels and make-up.

It will be necessary to follow a few simple rules that will help us to build our style.

In this regard, one of my articles on how to dress the various body shapes , can help understanding how to balance the high part of the body with the low part.

Enjoy the reading!

----------

Vestirsi! 

Scopri a quale forma del corpo appartieni!

Prima di leggere mettiamoci davanti allo specchio e cerchiamo di identificare la forma del nostro corpo. (Mela, pera, clessidra,  banana)

Ovviamente queste regole non valgono per quelle donne, che grazie al loro fisico perfetto si possono permette di indossare qualsiasi cosa! Ciò nonostante anche loro devono sempre seguire il “bon ton”, che rispecchi loro età, senza cadere mai nella volgarità. Quello che indossa una ventenne non ha lo stesso effetto su una cinquantenne!

La regola fondamentale, che sarà la stessa per tutte le donne di qualsiasi forma, sara’ cercare di bilanciare la parte bassa del nostro corpo con quella alta. In termini più semplici bisogna accentuare il punto perfetto del nostro corpo, per distogliere lo sguardo da quello sgraziato.

 PERA

E’ la forma più comune, appartenente alla donna che presenta un sedere pronunciato, ma un busto ed un seno piccoli.

Nel caso del corpo a forma di pera sara’ opportuno mettere in risalto la parte alta del nostro corpo, usando pochi accorgimenti, per distogliere lo sguardo da quella bassa dai fianchi pronunciati. 

Per questo motivo dobbiamo preferire maglie o top colorati, con delle stampe, oppure con motivi o decori. Top e maglie devono sempre avere una lunghezza che arrivi al di sopra del sedere o se lunghe essere inserite nelle gonne e nei pantaloni.

Anche le giacche sono molto adatte al tipo di fisico a forma di pera, perche’ ci riempie un po in piu il busto minuto, creando un giusto bilanciamento con i fianchi, e distogliendo lo sguardo da questi.

Al di sotto e sempre meglio usare capi di un solo colore, senza fantasia o richiamo, possibilmente a vita alta. Se vogliamo mettere la gonna quella svasata sarà più adatta a noi. 

Molto ben accette sono anche le collane e le sciarpe. 

Meglio non usare vestiti o maglie a tunica, che creano l’effetto a sacco.

Se dobbiamo partecipare ad una serate elegante o ad un party possiamo puntare su un vestito che scopra le nostre spalle, oppure ad uno stile anni 50, con corpetto stretto e svasatura sotto.

MELA

Un’altra forma comune, che accomuna un po tutte le mamme dopo che hanno partorito e’ la cosidetta forma a MELA. La forma a mela è cosi detta perché consiste nell’avere la pancia e lo stomaco compatto e pronunciato. Spesso chi ha questo problema ha pero’ un sedere piccolo e grazito e delle gambe perfette. In questo caso gambe e sedere saranno il nostro punto forza, da usare per distogliere lo sguardo di chi ci guarda.

Prima di tutto dovremo evitare in generale modelli troppo larghi, specie casacche o cose del genere che ci ingrosserebero di piu’. Dovremo invece preferire maglie e top più piccoli, ovviamente non aderenti, ma con una linea verticale che si fermano all’altezza del sedere, anche i tween set sono ben accetti. Oltre a pantaloni steretti potremo indossare anche gonne decoratre o anche minigonne che attireranno maggiormente l’attenzione sulle nostre gambe. Tuttavia anche le gonne leggermente svasate creano un giusto bilanciamento tra la parte alta e bassa del nostro corpo.

Se hai anche un seno abbastanza pronunciato e preferisci creare li il tuo punto forza allora meglio usare una scollatura a v, specie nel quotidiano e ricorda che si può esagerare o osare solo in determinate situazioni. 

Inoltre scegli sempre un regiseno che sostenga bene il tuo seno, più alto e più bello è.

Se non abbiamo molto sedere possiamo indossare pantaloni non troppo stretti con tasche nel dietro. Non sono invece adatti i pantaloni con le pieghe davanti.

Anche le giacche avvitate faranno al caso nostro specie quelle lunghe oltre la vita ma non oltre i fianchi.

Comunque se pantaloni o gonne sono leggeremente a vita alta sarà meglio. Riusciremo cosi a smorzare un po il nostro punto debole. 

Anche per i vestiti vale la stessa regola, meglio quelli con fasce o tagli all’altezza della vita. 

Se invece vogliamo indossare maglie decorate meglio quelle leggermente piu’ lunghe.

CLESSIDRA 

La donna con il corpo a forma di clessidra ha generalmente le spalle e i fianchi più o meno della stessa lunghezza ed una circonferenza vita stretta, che sarà proprio il vostro punto di forza. 

È consigliato indossare pantaloni o gonne a vita alta. Preferibilmente pantaloni a palazzo, o che scoprono la caviglia, gonne al polpaccio o al ginocchio.

Da privilegiare le maglie strette o inserite nella gonna o nel pantalone e le camicie mai sciolte, ma sempre indossate con un nodo avanti o portate dentro e leggermente sblusate.

L’abito a tulipano o con corpetto stretto e poi svasato è l’ideale da indossare nelle occasioni importanti.

Le scollature da scegliere sono quelle accentuate, e che non cadono mai nella volgarità, che creano un effetto di vedo non vedo, che accentua la femminilità.

Da evitare completamente maglioni oversize, scollature dirette o a barchetta, pantaloni a vita bassa o troppo aderenti sui fianchi, le mini gonne o le gonne lunghe.

BANANA 

Il corpo a banana appartiene a quelle donne troppo snelle, con seno poco pronunciato, gambe molto secche, sedere piatto, fianchi stretti e vita non pronunciata. Quelle donne quindi che non hanno curve e rotondità e che per questo motivo a volte si sentono inadeguate e poco sexy.

A volte, purtroppo anche essere snelle può essere sentito come un problema, ma niente che non si possa risolvere con pochi e semplici accorgimenti.

Innanzitutto è bene utilizzare sempre colori vivaci e stampe audaci. I colori scuri accentuerebbero la linea snella.

È importante esaltare il punto vita usando vestiti con balze, rouches oppure cinture. 

Un’ alternativa possono essere le gonne svasate.

Per distogliere gli sguardi è utile anche usare profonde scollature o spacchi vertiginosi, gonne corte oppure vestiti dal taglio asimmetrico, e spalle scoperte.

Anche lo stile impero col taglio sotto il seno che crea effetto movimento oppure i pantaloni a palazzo.

‐--------------------

Dress up! Find out which body shape you belong to!

Before reading, let's stand in front of a mirror and try to identify your body shape. (Apple, pear, hourglass, banana).

Obviously, these rules do not apply to women, whose perfect physique allows them to wear anything!

Nevertheless, they too must always follow the "bon ton" that reflects their age, without ever falling into vulgarity. What a twenty-year-old wears does not have the same effect on a fifty-year-old! The fundamental rule, which will be the same for all women of all shapes, is to try to balance the lower part of our body with the upper part. In the simplest terms, we need to accentuate the perfect point of our body, in order to distract from the unattractive one.

PEAR

This is the most common shape, belonging to the woman who has a pronounced bottom, but a small bust and breasts. In the case of the pear-shaped body, it is best to emphasise the upper part of our body, using a few tricks to distract the eye from the lower part with its pronounced hips.

For this reason we would prefer coloured tops or shirts, with prints, or with patterns or decorations.

Tops and jumpers should always be long enough to reach above the bum, or if long they can be incorporated into skirts and trousers.

Jackets are also very suitable for pear-shaped bodies, as they fill out the small bust a little more, creating a balance with the hips and distracting the eye from them.

Underneath it's always better to use one-colour garments, without any pattern or appeal, and possibly with a high waist.

If we want to wear a skirt, a flared one will be more appropriate.

Necklaces and scarves are also very welcome.

It is better not to use tunic dresses or sweaters, which create a baggy effect.

If we have to attend an elegant evening or a party, we can opt for a dress that reveals our shoulders, or a 50s style, with a narrow bodice and a flared bottom.

APPLE

Another common shape that all mothers have in common after giving birth is the APPLE shape. The apple shape is so called because it consists in having a compact and pronounced belly and stomach. Often those who have this problem have a small and graceful bottom and perfect legs. In this case legs and bum will be our strong point, to be used to divert the gaze of those who look at us.

First of all, we should generally avoid too loose-fitting models, especially tunic dresses and similar things that would make us look bigger.

Instead we should prefer smaller tops and sweaters, obviously not tight-fitting, but with a vertical line that stops at the height of the bum, even tween sets are welcome.

In addition to sterile trousers, we can also wear ornate skirts or even mini-skirts which will draw more attention to our legs.

However, even slightly flared skirts create the right balance between the upper and lower body.

If you also have quite pronounced breasts and prefer to create your strong point there, it’s important to use a v-neckline, especially in everyday life, and remember that you can only exaggerate or dare in certain situations.

Also always choose a bra that supports your breasts well, the higher the better.

If we don't have a lot of bottom, we can wear trousers that are not too tight with pockets in the back. Trousers with pleats in the front are not suitable.

Tight-fitting jackets will also suit us, especially those that are above the waist but not above the hips.

However, if trousers or skirts are slightly high-waisted it will be better. This will help to soften our weak point a little.

The same rule applies to dresses too, it's better to wear them with bands or cuts at waist level.

If we want to wear decorated shirts, then slightly longer ones are better.

HOURGLASS-SHAPED

A woman with an hourglass-shaped body generally has shoulders and hips of more or less the same length and a narrow waist, which will be your strong point.

High-waisted trousers or skirts are recommended. Preference should be given to palazzo trousers, ankle-length trousers, calf-length or knee-length skirts.

The top choice it’s very important, recommended are tight sweaters or sweaters that are tucked into the skirt or trousers, and shirts should never be loose, but always worn with a knot in front or worn inside and slightly loose. The tulip dress or dress with a narrow and then flared bodice is ideal to wear on important occasions. The necklines to choose are those that are accentuated and never vulgar, creating a see-through effect that accentuates femininity. Oversized jumpers, plunging necklines or boat necklines, low-waisted trousers or trousers that are too tight on the hips, mini-skirts or long skirts should be avoided completely.

BANANA

The banana body belongs to those women who are too slim, with unpronounced breasts, very dry legs, a flat bottom, narrow hips and an unpronounced waist. Women who lack curves and roundness and who sometimes feel inadequate and unsexy. Sometimes, unfortunately, even being slim can be felt as a problem, but nothing that can't be solved with a few simple tricks.

First of all, always use bright colours and bold prints.

Dark colours would accentuate a slim figure.

It is important to emphasise the waistline by using dresses with flounces, ruffles or belts.

Flared skirts are an alternative. Deep necklines or high slits, short skirts or dresses with asymmetrical cuts and bare shoulders are also useful to divert attention.  Also the empire style with a cut under the breasts which creates movement or palazzo trousers

----------

Un inverno all'insegna della vivacità 

L’ inverno solitamente lascia indietro il sapore di un’estate ricca di colore, ma quest'anno porterà con se un po’ di quella vivacità.

E si perché per la moda autunno/inverno 2021/22, molti stilisti hanno scelto di colorare la stagione fredda con dei brillanti colori pastello.

Non mancheranno tuttavia nelle loro collezioni i soliti colori invernali. 

Tra la gamma di colori il fucsia, reinterpretato in una veste più naturale, completamente distante dall’accesso colore fluorescente del passato. Un fuscia pastello che lascia risaltare l'incarnato, da usare in una sola tonalità, o spezzato con altri colori che ne risaltano la luminosità.

Anche Dolce e gabbana lo ha scelto, ma accompagnato al classico maculato che li distingue da anni.




Così giacche, cappotti, ma a volte anche vestiti interi si dingono di un fucsia allegro.

Altro colore scelto dagli stilisti sarà il blue elettrico, che nelle sue tonalità chiare è scure rievoca i colori del mar mediterraneo.

Un colore quello del blue elettrico che può essere abbinato con colori invernali come il marrone ma soprattutto il nero intenso.

Non può mancare il rosa antico, molto femminile e giovanile, che rievoca calde spiagge rosate e che sarà usato soprattutto per i vestiti e il capo spalla.

Scuro, intenso o brillante il verde prato riempirà le vetrine dei nostri negozi! 

Spesso per renderlo meno monotono  sarà indossato accostato a colori vivaci, accessori a contrasto o ritagli in pelle.

Tra gli altri colori il beije e cammello, che rievocano le tonalità calde del deserto,  e che  ritroveremo  sia nei vestiti che nei cappotti.

 Di questo colore sarà l’intera collezione Fendi.

Ritornano anche le stampe geometriche o a fantasia animalier, come leopardato o zebrato.                

Adesso tocca solo a noi seguire le tendenze e reinterpretarle, buon divertimento!

…………………..

A lively winter

Winter usually leaves behind the taste of a summer,full of colours but this year will bring with it some of its liveliness.

And yes, because for fall/winter 2021/22 fashion, many designers have chosen to colour the cold season with bright pastel colors.

However, there will be no lack of the usual winter colors in their collections.

Among the range of colors is fuchsia, reinterpreted in a more natural guise, completely distant from the fluorescent color access of the past. A pastel fuchsia that brings out the white complexion typical of winter.

Dolce & Gabbana also chose it but accompanied it with classic speckled that has distinguished them for years.

So jackets, coats, but sometimes even entire dresses are dyed in a cheerful fuchsia.

Another color chosen by designers is electric blue, which in its light and dark tones evokes the colors of the Mediterranean Sea.

Electric blue is a color that can be matched with winter colors such as brown or the intense black.

Cannot miss the old pink, very feminine and youthful, which evokes the warm pink beaches and that will be used especially for clothes and outerwear.

Dark, deep, or bright grass green will fill the windows of our stores! Often to make it more vibrant it will be worn with bright colors, contrasting accessories, or leather cutouts.

Among the other colors are the beige and camel, which evoke the warm tones of the desert, and which we will find in both dresses and coats. The entire Fendi collection will be in this color.

Geometric or animal patterned prints are also back.

Adesso tocca solo a noi seguire le tendenze e reinterpretarle, buon divertimento!

------------------

Via le rughe con l'olio d'oliva!

(Wrinkles away with vergin olive oil !)

 La prima prova archeologica dell’ uso cosmetico dell'olio d'oliva nell’ antichita è  stata ritrovata nei flaconi che contenevano un mix di piombo e olio d’ oliva all'interno delle tombe egiziane datate intorno al 5000 ac.

In grecia veniva utilizzato dagli atleti dell’antica grecia per difendere il corpo dai raggi del sole. Anche la classica acconciatura a piega delle donne greche, prevedeva impacchi di preparazione all'olio d'oliva.

In epoca Romana l'olio d'oliva veniva usato non solo come base dei loro piatti, ma anche in campo medico, in  campo religioso, per curare le ferite, come insetticida, e nella cosmesi.

Una miscela di olio d'oliva e ricino veniva usata come rinforzante per i capelli e mescolato al profumo diventava una lozione da  applicare una volta al giorno sui capelli . 

Furono i romani ad usare per primi l’olio d’oliva come antirughe.

 L'olio d'oliva puo’, infatti, aiutare la pelle a trattenere meglio l’ acqua, rallentandone l'evaporazione superficiale. Cosi,  idratando la pelle sin da giovanissimi con  l'olio d'oliva questa aumenta la sua elasticità e previene la formazione delle rughe. 

Questo perche’ l’olio d’oliva contiene delle proprietà fondamentali:

I grassi monoinsaturi: possiedono un alto potere rassodante;

Gli antiossidanti: combattono i radicali liberi, attenuando piccole rughe e il colore bluastro delle occhiaie;

Il magnesio, il ferro e le vitamine (A,D ed E): rinforzano le palpebre.

Una lozione antirughe a base di olio d’oliva può essere realizzata con il fai da te, e per magia senza spendere tanti soldi in cosmetica ci ritroveremo con un ottimo rimedio per prevenire le rughe. Innanzitutto bisogna utilizzare sempre un olio d'oliva extravergine biologico di ottima qualità.

Esistono differenti modi per poter utilizzare l' olio d'oliva come antirughe. 

1)Il piu semplice è versare l'olio d’oliva in un boccettino di vetro:

 stendere sul viso qualche goccia ogni sera usando un dischetto di cotone e picchiettare delicatamente sul viso, eseguendo un leggero massaggio che ne favorisce l’assorbimento e la microcircolazione. 

È consigliato usare l’olio solo di sera prima di andare a dormire soprattutto perché il trattamento lascia la cute molto unta.

2) Piu indicato per attenuare le rughe esistnti è

creare una crema aggiungendo all'olio d'oliva dello yogurt greco e del miele:

 Miscelare  tutti gli ingredienti e stendere il composto sul viso per una 20 di minuti .  Una volta trascorso il tempo basta lavare la faccia con acqua tiepida e tamponare con un’asciugamani morbido. Il trattamento puo essere ripetuto piu volte in una settimana.

Ovviamente l’ olio d’oliva non fa miracoli, ma se cominciamo presto ad usarlo possiamo risparmiare tempo e soldi in futuro, io l’ho fatto!

Provaci anche tu!

‐--------------

Wrinkles away with virgin olive oil 🫒 

The first archaeological evidence of the cosmetic use of olive oil in antiquity was found in bottles containing a mixture of lead and olive oil inside Egyptian tombs dating from around 5000 BC.

In Greece it was used by ancient Greek athletes to protect their bodies from the sun's rays. Even the classic hairstyle of Greek women involved olive oil preparation packs.

In Roman times, olive oil was used not only as the basis of their dishes, but also in medicine, in religion, to treat wounds, as an insecticide, and in cosmetics.

A mixture of olive oil and castor oil was used as a hair strengthener, and mixed with perfume it became a lotion to be applied once a day on the hair. 

The Romans were the first to use olive oil as an anti-wrinkle agent.

  Olive oil can, in fact, help the skin to better retain water by slowing down its surface evaporation. So moisturising the skin from a young age with olive oil increases its elasticity and prevents the formation of wrinkles. 

This is because olive oil contains fundamental properties:

- Monounsaturated fats: they have a high firming power;

- Antioxidants: they fight free radicals, reducing small wrinkles and the bluish colour of dark circles;

- Magnesium, iron and vitamins (A, D and E): strengthen the eyelids.

An anti-wrinkle lotion based on olive oil can be made by DIY, and magically without spending a lot of money on cosmetics we will end up with an excellent remedy to prevent wrinkles. 

First and foremost, you must always use top quality organic extra virgin olive oil.

There are different ways of using olive oil as an anti-wrinkle remedy. 

1) The simplest is to pour olive oil into a small glass bottle:

  Apply a few drops to your face every evening using a cotton pad and gently dab onto your face, performing a gentle massage to aid absorption and microcirculation. 

It’s recommended to use the oil only before going to bed, especially as the treatment leaves the skin very greasy. 

2) More suitable for reducing existing wrinkles is to create a cream by adding Greek yoghurt and honey to olive oil:

 Mix all the ingredients and apply the mixture on the face and leave it for 20 minutes.  Once the time has elapsed, simply wash your face with lukewarm water and pat dry with a soft towel. The treatment can be repeated several times a week.

Obviously olive oil does not work miracles, but if we start using it early we can save time and money in the future!

I did it!

Try it yourself!

‐---------------------

Regole fondamentali quando facciamo
shopping.

Lo shopping è qualcosa che non si deve fare solo per il gusto di farlo, ma è un momento di grande importanza nella vita di una donna. Lo shopping è qualcosa che deve essere studiato prima di entrare nel negozio. 

Ognuna di noi deve analizzare se stessa prima di andare a fare shopping, ponendosi alcune domande, come "qual è il mio lavoro, quali colori o quale stile sono adatti al mio corpo, a quale evento parteciperò?

Solo in questo modo, ognuno di noi sarà in grado di creare il proprio stile personale.

Ovviamente, bisogna prendere in considerazione e capire il budget che si ha a disposizione. Oggi la moda sta diventando accessibile a tutti, così come il franchising, che è abbastanza economico, riproduce perfettamente le nuove tendenze della moda.

Quindi, la prima regola da prendere in considerazione è stabilire un budget che possiamo permetterci di spendere e scegliere i luoghi dove vogliamo fare shopping.

Per apparire belli, affascinanti e alla moda non è necessario sbancare, ma è importante avere stile, sapendo perfettamente cosa dobbiamo comprare e cosa è giusto per noi.

Spesso trovo le migliori offerte nei mercati locali, dove si può pagare meno della metà del prezzo del negozio.

Prima di tutto fare acquisti con attenzione, non comprando mai qualcosa che abbiamo già nel nostro guardaroba o che assomiglia a qualcosa ottenuto, solo perché ci piace, rischiando di ottenere migliaia di capi che non indosseremo mai o che renderanno difficili e complesse le nostre scelte quotidiane.

Non c'è motivo di comprare un paio di scarpe nere con il tacco alto se sono già nel nostro armadio.

Tuttavia, ognuna di noi può anche decidere di avere stili diversi, ovviamente tenendo sempre alta la bandiera del buon gusto e non cadendo nel ridicolo. Ogni stile dovrebbe corrispondere a un'età diversa e a forme del corpo diverse.

Il nostro stile può anche variare a seconda dell'evento o del luogo in cui andiamo.

In pratica, il nostro armadio deve essere sempre pronto ad affrontare tutte le diverse situazioni. In esso dobbiamo trovare abiti eleganti, trendy, casual, qualsiasi cosa.

Un'altra regola fondamentale è quella di non arrivare mai al giorno dell'evento senza sapere cosa indossare, ma essendo organizzati per essere pronti, o rischiamo di cadere in un errore, sentendoci frustrati e rischiando di trasformare un'esperienza piacevole in un disastro.

La domanda che più ci assilla quando ci vestiamo è "Cosa penseranno gli altri? Come pensano che io stia?

Prima di tutto non dobbiamo assolutamente fregarcene di quello che gli altri pensano di noi, perché la cosa più importante è stare bene, diventando consapevoli e coscienti di noi stessi, per aumentare la nostra stima e avere sempre tutto sotto controllo. Quello che indossiamo è importante, ma è più importante come lo indossiamo. La sensazione che dobbiamo trasmettere alla gente è che siamo sicuri di ciò che indossiamo.

 

Ovviamente per creare il nostro stile personale dobbiamo avere qualche conoscenza di base della moda e dobbiamo cercare di tenerci aggiornati con le tendenze, almeno comprando riviste di moda o navigando nei siti di moda sul web.

Il nostro stile sarà costruito considerando il nostro senso del vestire, ma soprattutto considerando il nostro stile di vita, la nostra età e il nostro lavoro.

Inoltre, per creare il nostro stile dobbiamo anche essere brutalmente onesti con noi stessi, analizzando tutti i difetti del nostro corpo. Questo sarà l'unico modo per prendere le decisioni giuste. L'obiettivo è trovare uno stile che rispetti le tendenze, ma che possa adattarsi perfettamente alle esigenze imposte dal nostro corpo, dalla nostra taglia, dalla nostra forma, dalla nostra altezza.

 

Le 7 regole sono:

1) Non curarsi degli altri

2) Fiducia in noi stessi

3) Consapevolezza dei nostri difetti.

4) Stabilire un budget e scegliere i luoghi o il posto dove fare shopping

5) Fare shopping con attenzione, evitando di comprare ciò che abbiamo già

6) Sapere cosa comprare prima di andare a fare shopping

7) Pianificare in anticipo ciò che si indosserà

--------------------------------------English Version---------Fundamental rules when we go shopping.

(Regole fondamentali quando facciamo shopping )

Shopping is something you do not have to do just for the sake of it, but it is a moment of great importance in a woman’s life. Shopping is something that must be studied before entering the store.

Each of us must analyse ourselves before going shopping, asking certain questions, such as ‘what is my job, what colours or what style are right for my body, which event will I attend!’

Just in this way, each of us will be able to create his/her own personal style.

Obviously, you must take into account and understand the budget that is available for you. Nowadays fashion is becoming accessible to all, as well as franchising which is quite cheap, perfect to reproduce the new fashion trends.

So, the first rule to take into account is to establish a budget you can afford to spend and choose the places where we want to shopping.

In order to look beautiful, charming, and fashionable we do not need to break the bank but it is important to have style, knowing perfectly what we need to buy and what it is right for us.

I  often find the best deals in local markets, where you can pay less than half of the store price.

First of all shop carefully, never buying something that we already have in our wardrobe or that is like something firgotten, only because we like it, risking getting thousand of garments  that we will never wear or that we will make our wearing daily choices difficult and complex.

There is no reason to buy a pair of black high-heeled shoes if they are already in my closet.

However, each of us can also decide to have different styles, obviously always holding high the flag of good taste and not falling into the ridiculous. Each style should correspond to a different age and to a different body’ shapes.

Our style can also vary depending on the event or on the place where we are going.

In practice, our closet must always be ready to face all different situations. In it, we must find elegant clothes, trendy, casual, anything.

Another fundamental rule is never to arrive at the day of the event without knowing what to wear, but being organized to be ready, or we risk to fall into a mistake, feeling frustrated and risking to turn a pleasant experience into a disaster.

The question that nags us most when we get dressed is "What will others think? How do they think I look?.

First of all we must absolutely not give a damn about what others think of us, because the most important thing is to feel good, becoming aware and conscious of ourselves, in order to increase our esteem and having always everything under control. What we wear is important, but it’s most important how we wear it. The feeling that we must transmit to the people is that we are sure of what we are wearing.

Obviously to create our own personal style we need to have some basic knowledge of fashion and we must try to keep us update with the trends, at least buying fashion magazines or surfing the fashion sites on the web. 

Our style will be built considering our dress sense, but especially considering our lifestyle, our age and our job.

In addition, to create our style we must also be brutally honest with ourselves, analysing all the flaws of our body. That will be the only way to take the right decisions. The goal is to find a style that respect the trends, but that can fit perfectly with the needs imposed by our body, our size, our shape, our height.

The 7 rules are:

1) Don’t care about others

2) Confidence in ourselves

3) Awareness of our flaws.

4) Establish a budget and choose the places or the place to shopping

5) Shopping carefully, avoiding to buy what we already have

6) Know what to buy before you go shopping

7) Plan in advance what you will wear


Commenti

Post popolari in questo blog

Regali di Natale per lei, donna, mamma e amica.

Sta arrivando il Natale e come ogni anno i regali diventano il tuo dilemma, cosa regalare ad un amica, alla mamma, alla sorella, alla fidanzata. Tante idee e tanti dubbi: non so cosa comprare, non ho molti soldi, le piacerà? L’ importante è sempre fare le cose con il cuore. Noi siamo qui per aiutarti a risolvere il problema.  Il regalo deve essere bello, ma per essere gradito deve sempre rispecchiare la personalità di chi lo riceve. Oppure finirà sullo scaffale dello sgabuzzino pronto per essere al più presto riciclato.  Ovviamente più alto sarà il nostro budget e più facile sarà comprare i regali e per  questo che il mio obbiettivo sarà invece aiutare il compratore medio, guidandolo nella scelta giusta senza spendere troppo . Prima di tutto, cominciamo dicendo che io sconsiglio  di regalare dei vestiti, a meno che nn si conosce benissimo la persona alla quale si fa il regalo. L’abbigliamento è sempre molto personale, quindi al massimo ci si deve limitare a regalare delle sciarpe o fou

Curiosità sul natale: come si festeggia negli altri paesi?

Il Natale è  la festività più conosciuta al mondo. Ovunque ci saranno gli alberi di Natale, con i regali, le letterine per Babbo Natale, il cenone della vigilia, e in molti paesi anche il presepe. Spesso pensiamo che il Natale sia solo questo,  ma  in realtà non è così, ci sono infatti diverse tradizioni legate ad ogni paese, alcune completamente lontane dalle nostre. Di seguito alcune curiose tradizioni di paesi vicini e lontani. In Germania La leggenda vuole che la notte del 5 Dicembre i bambini si preparino all’ arrivo di St. Nikolaus  lasciando le proprie scarpe sul davanzale o fuori dal portone. Quella notte St. Nikolaus lascerà nelle scarpe dei bimbi buoni dei cioccolatini e in quelle dei bimbi birichini dei ramoscelli di legno.Oggi la maggior parte dei bambini tedeschi appende le scarpette all’albero di Natale. Austria e Trentino Alto Adige  Una delle tradizioni più bizzarre è quella di Krampus, la demoniaca figura mezza capra e mezzo uomo che scende nelle strade alla ricerca de

Rinascimento

La parola francese Renaissance significa rinascita, e si riferisce a una storia europea emersa dalla fine del Medioevo all'era della modernità, radicando i secoli XV e XVI. Il rinascimento comprendeva la rinascita delle fonti classiche, come sculture, architetture, scienza, filosofia, matematica, e fu un periodo di commercio, invenzione, comunicazione, scoperta, arte e lusso. Durante il Rinascimento l'abbigliamento divenne un investimento estremamente importante, simbolo del lusso e della ricchezza delle corti.  Firenze fu, durante il Rinascimento, il maggior centro di influenza e innovazione, scenario di idee intellettuali e artistiche. Artisti come Leonardo Da Vinci, Raffaello, Boccaccio, Donatello e altri lavorarono a Firenze ed è attraverso la loro arte e i loro ritratti che abbiamo conosciuto la moda nel periodo rinascimentale.  Il guardaroba delle donne era composto da un abito di lino bianco con maniche lunghe e un abito lungo in colore contrastante, con un top stretto e