Passa ai contenuti principali

La Belle Epoque

The 20th century was a century of tragedy and disaster, with the first and Second World War, but also the epoch of changes in politics, ideology, economics, society and cultural. The woman started to fight for their right and to take their own place in the society.
Despite the criticality of the era, in the 20th century, the fashion lived one of the most profitable periods. Paris was the fashion’s center, and a massive number of artists, skilled workers, fabrics, industry came to focus on French fashion. It was in Paris that the Haute couture and Pret-a- porter’s concept had origin. 
The first decade of the century could be consider still part of the 19th century, with slow progress, and with a new position of the upper class. The industrial revolution made it possible for people to get dressed at not high cost. The French called this era La Belle Epoque, because there was a peak of luxury living for a select few.


The garment was often accompanied by large fur-trimmed hats and fur muffs, typical was also the Gibson Girl hairstyles, a hairstyle with a bun. In France, the designer Paul Poiret created a new silhouette, presented in 1908 with his extravagant oriental collection, that saw the woman liberating of the tight corset and uncovering the legs, with middle long skirt.

Between 1900 and 1914 the woman’s fashion was extremely feminine, characterized by S-shaped silhouette, with
oversize shoulders, a long flowing skirt and a boned corset, covering in detailed such as ruffles, buttons, and lace trimming.
The shirt wore had often high collars, long sleeves and sometimes cloves. In this year, the mid-calf-length skirt  started to be used, revelling buttoned boots with high heels. The most used colors were in sweet pastels or white blouse and black skirt.
Man wore fashionable summer clothes with striped cotton jackets with patch pockets, flannel trousers with sharp creases and turn-up cuffs, and a shirt with stiff turned-down collars and bow-ties. The summer hat was made in straw and the winter’s one in felt with soft brim.

----------

Il XX secolo è stato un secolo di tragedie e disastri, con la prima e la seconda guerra mondiale, ma anche l'epoca dei cambiamenti in campo politico, economico, nella società e culturale. La donna ha iniziato a lottare per i propri diritti e a prendere il proprio posto nella società.
Nonostante la criticità dell'epoca, nel XX secolo la moda visse uno dei periodi più redditizi. Parigi era il centro della moda. Un numero elevato di artisti, lavoratori specializzati, industrie di tessuti, si concentrarono sulla moda francese. Fu a Parigi che il concetto di Haute couture e Pret-a-porter ebbe origine. 
Il primo decennio del secolo potrebbe essere considerato ancora parte del XIX secolo, con un progresso lento, e con una nuova posizione della classe superiore. La rivoluzione industriale rese possibile alle persone di vestirsi a costi non elevati. I francesi chiamarono quest'epoca La Belle Epoque, perché ci fu un picco della vita di lusso per pochi eletti.

L'abbigliamento era spesso accompagnato da grandi cappelli e manicotti bordati di pelliccia. Tipica era anche l'acconciatura Gibson Girl, un'acconciatura con uno chignon.
In Francia, lo stilista Paul Poiret creò una nuova silhouette, presentata nel 1908 con la sua stravagante collezione orientale, che vedeva la donna liberarsi del corsetto stretto e scoprire le gambe, con la gonna medio lunga.
Tra il 1900 e il 1914 la moda era estremamente femminile, caratterizzata da una silhouette a forma di S, con spalle oversize, una lunga gonna fluente e un corsetto disossato, ricoperto di dettagli come volant, bottoni e passamaneria in pizzo.

La camicia indossata aveva spesso colletti alti, maniche lunghe e a volte chiodi di garofano. 
In questo anno, la gonna a metà polpaccio cominciò ad essere usata, con stivali abbottonati con tacchi alti.
I colori più usati erano quelli pastello o la camicetta bianca e la gonna nera.
L'uomo indossava abiti estivi alla moda con giacche di cotone a righe con tasche applicate, pantaloni di flanella con pieghe nette e polsini risvoltati, e una camicia con colletti rigidi e papillon. Il cappello estivo era di paglia e quello invernale di feltro con tesa morbida.


Commenti

  1. She had her palms within the pockets of the coat and a cigarette in her mouth. Cataluna Esteme itself had been active within the lead business until 1998, when the growing older proprietor had been felled by heart hassle whereas on a visit to Paris. Over the next yr or so, the property of the corporation had been distributed to the proprietor's heirs, and the company itself had gone dormant. Cataluna Esteme existed within the desk drawer of a lawyer precision machining in Andorra's capital metropolis of Andorra la Vella.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Regali di Natale per lei, donna, mamma e amica.

Sta arrivando il Natale e come ogni anno i regali diventano il tuo dilemma, cosa regalare ad un amica, alla mamma, alla sorella, alla fidanzata. Tante idee e tanti dubbi: non so cosa comprare, non ho molti soldi, le piacerà? L’ importante è sempre fare le cose con il cuore. Noi siamo qui per aiutarti a risolvere il problema.  Il regalo deve essere bello, ma per essere gradito deve sempre rispecchiare la personalità di chi lo riceve. Oppure finirà sullo scaffale dello sgabuzzino pronto per essere al più presto riciclato.  Ovviamente più alto sarà il nostro budget e più facile sarà comprare i regali e per  questo che il mio obbiettivo sarà invece aiutare il compratore medio, guidandolo nella scelta giusta senza spendere troppo . Prima di tutto, cominciamo dicendo che io sconsiglio  di regalare dei vestiti, a meno che nn si conosce benissimo la persona alla quale si fa il regalo. L’abbigliamento è sempre molto personale, quindi al massimo ci si deve limitare a regalare delle sciarpe o fou

Rinascimento

La parola francese Renaissance significa rinascita, e si riferisce a una storia europea emersa dalla fine del Medioevo all'era della modernità, radicando i secoli XV e XVI. Il rinascimento comprendeva la rinascita delle fonti classiche, come sculture, architetture, scienza, filosofia, matematica, e fu un periodo di commercio, invenzione, comunicazione, scoperta, arte e lusso. Durante il Rinascimento l'abbigliamento divenne un investimento estremamente importante, simbolo del lusso e della ricchezza delle corti.  Firenze fu, durante il Rinascimento, il maggior centro di influenza e innovazione, scenario di idee intellettuali e artistiche. Artisti come Leonardo Da Vinci, Raffaello, Boccaccio, Donatello e altri lavorarono a Firenze ed è attraverso la loro arte e i loro ritratti che abbiamo conosciuto la moda nel periodo rinascimentale.  Il guardaroba delle donne era composto da un abito di lino bianco con maniche lunghe e un abito lungo in colore contrastante, con un top stretto e

Curiosità sul natale: come si festeggia negli altri paesi?

Il Natale è  la festività più conosciuta al mondo. Ovunque ci saranno gli alberi di Natale, con i regali, le letterine per Babbo Natale, il cenone della vigilia, e in molti paesi anche il presepe. Spesso pensiamo che il Natale sia solo questo,  ma  in realtà non è così, ci sono infatti diverse tradizioni legate ad ogni paese, alcune completamente lontane dalle nostre. Di seguito alcune curiose tradizioni di paesi vicini e lontani. In Germania La leggenda vuole che la notte del 5 Dicembre i bambini si preparino all’ arrivo di St. Nikolaus  lasciando le proprie scarpe sul davanzale o fuori dal portone. Quella notte St. Nikolaus lascerà nelle scarpe dei bimbi buoni dei cioccolatini e in quelle dei bimbi birichini dei ramoscelli di legno.Oggi la maggior parte dei bambini tedeschi appende le scarpette all’albero di Natale. Austria e Trentino Alto Adige  Una delle tradizioni più bizzarre è quella di Krampus, la demoniaca figura mezza capra e mezzo uomo che scende nelle strade alla ricerca de