Passa ai contenuti principali

La donna curvy/The curvy woman

Negli ultimi anni se ne sente  parlare sempre di più, ma chi è la donna curvy?

La donna curvy ha una taglia che va dalla 44 in su, con seno e fianchi abbondanti, una vita stretta, è una donna dalle curve morbide.

La donna curvy è orgogliosa delle sue forme, non ostenta a mostrarle e riesce nonostante non sia perfetta a sentirsi sensuale e bellissima.

In fondo chi ha deciso cosa sia la perfezione e quando siamo arrivati a considerare perfetta solo la donna snella?

La maggior parte dei quadri del passato mostrano donne dal corpo sinuoso e con qualche chilo in più. Cosi partendo da opere come la Venere di Botticelli, le donne di Raffaello Sanzio, le donne di Rubens, arrivando fino a  moderni Cezanne e Monet, la donna in carne era considerato come simbolo di abbondanza.


 Anche il cinema della prima meta’ del 900 ci mostra donne formose, con seni pronunciati, ne sono esempio attrici come  Sophia Lauren, Merylin Monroe, Ava Gardnee, vissute in quel periodo quando essere in carne significava godere di buona salute e avere voglia di vivere. 

L’estremizzazione della bellezza femminile verso canoni filiformi, avviene con il successo della modella Twiggy, talmente magra da poter essere considerata anoressica.


L’avvento della donna filiforme nella moda nacque soprattutto a seguito dell’esigenza degli stilisti di vestire con un unica taglia tutte le modelle.

Fortunatamente nell’ultimo decennio le donne curvy hanno riacquistato il loro giusto posto predominante  nel mondo, nel mercato dell’ abbigliamento e sulle passerelle, anche grazie  ai social media, che hanno rese famose alcune  infuencer curvy,  seguite da un ampio pubblico di donne.

Cosi quello del mercato “plus size” è sempre più in forte aumento, e contribuisce all’affermarsi di una nuova idea di bellezza, che aiuta a far passare il messaggio che per sentirsi belle non bisogna per forza essere snelle, ,ma essere seducenti e sensuali.

Tra le donne curvy piu celebri la modella Ashley Graham, la modella italiana Elisa D’Ospina, che divenuta ospite fissa della trasmissione “Detto fatto” è da sempre in prima linea nella lotta contro l’anoressia. Altra icona curvy è Paola Torrente arrivata seconda nell’edizione di Miss Italia 2016, proprio grazie alla sua taglia 46.

Ma come si devono vestire le donne curvy? 

Da donna curvy quale sono il mio motto è “eccedere ma senza cadere nella volgarità, cercando di esaltare la propria femminilità”.

E’ principalmente importante sottolineare i punti forti del proprio corpo, scegliendo sempre il taglio e lo stile giusti, giocando soprattutto con gli accessori, i tacchi ed il make up.

Sara’ necessario seguire poche semplici regole che ci aiuteranno a costruire il nostro stile.

A questo proposito può aiutare un mio articolo su come vestire le varie forme del corpo,  bilanciando la parte alta e con quella bassa.

Buona lettura!

-------------------------------

The curvy woman

In recent years we have heard more and more about the curvy woman, but who is she?

The curvy woman is a size 44 and up, with generous breasts and hips, a narrow waist and soft curves.

The curvy woman is proud of her shape, does not show it off and manages to feel sensual and beautiful despite not being perfect.

  After all, who decided what perfection is and when did we come to consider only the slim woman as perfect?

Most paintings of the past show women with curvy bodies and a few extra weight. So starting from canvas such as Botticelli's Venus, Raphael Sanzio's women, Rubens' women, up to the modern Cezanne and Monet, the voluptuous woman was considered as a symbol of abundance. 

Even the cinema of the first half of the 20th century shows us shapely women, with pronounced breasts, such as actresses like Sophia Lauren, Merylin Monroe, Ava Gardnee, who lived in that period when being meaty meant being healthy and having the will to live.

 


The radicalisation of female beauty towards slim canons occurred with the success of the model Twiggy, who was so thin that she could be considered anorexic. The advent of the filiform woman in fashion came about mainly as a result of the stylists' need to dress all models in one size.

Fortunately, in the last decade curvy women have regained their rightful place in the world, in the clothing market and on the catwalks, especially thanks to social media, which have made some curvy influencers famous, followed by a wide audience of women.

The "plus size" market is growing fast, contributing to the emergence of a new idea of beauty, which helps to get the message  that to feel beautiful you don't necessarily have to be slim, but you do have to be seductive and sensual.

Among the most famous curvy women are the model Ashley Graham, the Italian model Elisa D'Ospina, who has become a regular guest on the programme "Detto fatto" and has always been in the front line in the fight against anorexia. Another curvy icon is Paola Torrente, who came second in the Miss Italia 2016 edition, thanks to her size 46.

But how should curvy women dress? 

As the curvy woman that I am, my motto is "to exceed but without falling into vulgarity, trying to enhance one's femininity".

It is mainly important to emphasise the strong points of your body, always choosing the right cut and style, playing with accessories, heels and make-up.

It will be necessary to follow a few simple rules that will help us to build our style.

In this regard, one of my articles on how to dress the various body shapes , can help understanding how to balance the high part of the body with the low part.

Enjoy the reading!

Commenti

Post popolari in questo blog

Regali di Natale per lei, donna, mamma e amica.

Sta arrivando il Natale e come ogni anno i regali diventano il tuo dilemma, cosa regalare ad un amica, alla mamma, alla sorella, alla fidanzata. Tante idee e tanti dubbi: non so cosa comprare, non ho molti soldi, le piacerà? L’ importante è sempre fare le cose con il cuore. Noi siamo qui per aiutarti a risolvere il problema.  Il regalo deve essere bello, ma per essere gradito deve sempre rispecchiare la personalità di chi lo riceve. Oppure finirà sullo scaffale dello sgabuzzino pronto per essere al più presto riciclato.  Ovviamente più alto sarà il nostro budget e più facile sarà comprare i regali e per  questo che il mio obbiettivo sarà invece aiutare il compratore medio, guidandolo nella scelta giusta senza spendere troppo . Prima di tutto, cominciamo dicendo che io sconsiglio  di regalare dei vestiti, a meno che nn si conosce benissimo la persona alla quale si fa il regalo. L’abbigliamento è sempre molto personale, quindi al massimo ci si deve limitare a regalare delle sciarpe o fou

Rinascimento

La parola francese Renaissance significa rinascita, e si riferisce a una storia europea emersa dalla fine del Medioevo all'era della modernità, radicando i secoli XV e XVI. Il rinascimento comprendeva la rinascita delle fonti classiche, come sculture, architetture, scienza, filosofia, matematica, e fu un periodo di commercio, invenzione, comunicazione, scoperta, arte e lusso. Durante il Rinascimento l'abbigliamento divenne un investimento estremamente importante, simbolo del lusso e della ricchezza delle corti.  Firenze fu, durante il Rinascimento, il maggior centro di influenza e innovazione, scenario di idee intellettuali e artistiche. Artisti come Leonardo Da Vinci, Raffaello, Boccaccio, Donatello e altri lavorarono a Firenze ed è attraverso la loro arte e i loro ritratti che abbiamo conosciuto la moda nel periodo rinascimentale.  Il guardaroba delle donne era composto da un abito di lino bianco con maniche lunghe e un abito lungo in colore contrastante, con un top stretto e

Curiosità sul natale: come si festeggia negli altri paesi?

Il Natale è  la festività più conosciuta al mondo. Ovunque ci saranno gli alberi di Natale, con i regali, le letterine per Babbo Natale, il cenone della vigilia, e in molti paesi anche il presepe. Spesso pensiamo che il Natale sia solo questo,  ma  in realtà non è così, ci sono infatti diverse tradizioni legate ad ogni paese, alcune completamente lontane dalle nostre. Di seguito alcune curiose tradizioni di paesi vicini e lontani. In Germania La leggenda vuole che la notte del 5 Dicembre i bambini si preparino all’ arrivo di St. Nikolaus  lasciando le proprie scarpe sul davanzale o fuori dal portone. Quella notte St. Nikolaus lascerà nelle scarpe dei bimbi buoni dei cioccolatini e in quelle dei bimbi birichini dei ramoscelli di legno.Oggi la maggior parte dei bambini tedeschi appende le scarpette all’albero di Natale. Austria e Trentino Alto Adige  Una delle tradizioni più bizzarre è quella di Krampus, la demoniaca figura mezza capra e mezzo uomo che scende nelle strade alla ricerca de